logoABD

Biblioteca tra storia e cronaca

biblioLavorator

La Biblioteca centrale della Cisl viene costituita da Mario Romani nel periodo stesso delle origini della Cisl (1950) e nel contesto della sua attività di fondatore e primo direttore dell'Ufficio studi.

La struttura, che allora era di stretto, indispensabile supporto documentale all'attività sindacale della Centrale confederale, con gli anni Sessanta e Settanta del Novecento si apre all'acquisizione di numerose, qualificate riviste italiane e straniere che servono a mettere in costante collegamento teorico la prassi del "sindacato nuovo", che è chiamato ad agire in un paese come l'Italia del Secondo Novecento, che si trasforma tumultuosamente da realtà agricolo-paesana in realtà urbano-industriale e da nazione con istruzione classista ad istruzione popolare e di massa.

Anche in questa prospettiva vengono collezionati i tanti volumi accademici (e non) relativi alle materie dell'economia, del diritto del lavoro, delle scienze sociali, della dottrina sociale della chiesa e del sindacato democratico, libero ed autonomo (partiticamente parlando) di natura anglosassone e nord-americano, di cui la Cisl (coniugando unionismo americano, tradeunionismo inglese e dottrina sociale della Chiesa) è portabandiera nell'Italia repubblicana.

La Biblioteca, fino a tutti gli anni del decennio 1970, è collocata nella sede confederale di Via Po,21 (Roma).

Nel 1981 la Biblioteca viene trasferita nel Centro studi-Cisl di Via dei Villini (Roma), dove comincia la sua positiva integrazione con la realtà accademica ed universitaria romana, servendo non solo alle necessità della dirigenza cislina, ma anche e soprattutto ai vari istituti di ricerca che in quella sede avevano i loro uffici: Cesos (prof. Baglioni), Ceres (prof. Frei), Isel (prof. Tarantelli), Irsi (prof. Rescigno).

Dal 1986 viene trasferita in Via Boncompagni e nei primi anni Novanta viene dotata di catalogo informatico (software Sebina) che permette alla biblioteca d'inserirsi nell'SBN ( Sistema bibliotecario nazionale) e nell'Opac (Catalogo del servizio bibliotecario nazionale).

Dal 1997 la Biblioteca viene trasferita nella sede di Via Labicana, dove, assieme all'Archivio storico, è protagonista di numerosi eventi culturali e sindacali, tra cui vanno ricordati i convegni universitari del 1998 e del 2004.

Nel 2008 la Segreteria confederale decide la unificazione della biblioteca di Roma con quella del Centro studi -Cisl di Firenze (che confluiscono in quella che, al momento, viene denominata " Nuova Biblioteca Cisl").

La Biblioteca del Centro studi di Firenze, che in epoca recente era stata intitolata a Mario Romani, venne istituita nel giugno 1951 come seconda sezione di quella confederale e, nel tempo, vi sono state raccolte, in prevalenza, opere storiche ,economiche, sociologiche, manuali e strumenti dell'attività formativa, riviste italiane sindacali e non.

Con la scelta di unificazione le due biblioteche si sono trovate ad operare una complessa e laboriosa opera di selezione,scarto, assemblaggio e trasferimento.

Il trasferimento si completa nel novembre 2012 e durante questo processo si porta avanti il progetto di costituzione dello spazio web: "abd.cisl.it" ( Archivio Biblioteca Digitale della Cisl), che arriva alla sua prima conclusione nel marzo 2013.

La costituzione di questo spazio web, chiamato "Archivio e Biblioteca Digitale Cisl", porta ad avere in disponibilità elettronica il cosiddetto cuore documentale delle collezioni possedute dalle due precedenti strutture, che in questo periodo hanno vissuto e realizzato un'intesa e non facile attività biblioteconomica ed archivistica. L' opera di selezione e scannerizzazione di tali beni librari è stata coordinata da un Comitato istituito ad hoc, presieduto dall'ex segretario confederale della Cisl, Carlo Biffi.

La prima visualizzazione e fruizione parte nel maggio 2013 in via sperimentale con software che dopo alcuni mesi si rivela inadatto agli scopi prefissati e quindi nel novembre dello stesso anno il prof. Ivo Camerini, su incarico del Direttore confederale Fausto De Simone, elabora e coordina un progetto in sostituzione che porta all'attuale configurazione web. Una configurazione realizzata con software Mistral dalla Gap/Digital Imaging del Dr.Andrea De Calisti, che sta lanciando anche il nuovo prodotto Sinapsi che andrà a sostituire Gea e Mistral.

All'attuale riorganizzazione e visualizzazione web, avvenuta nei mesi dicembre 2013-maggio 2014, hanno collaborato: la bibliotecaria dott.ssa Anna Bianco, gli informatici Gianluca Nanni, Federico Luzi e Raffaele Gargiulo, il dr. Gilberto Andreoli, responsabile dell'ufficio informatica confederale. La supervisione politica è stata del Direttore confederale , Dr.Fausto De Simone.

Last, but not least: un grazie speciale al Segretario generale della Cisl per aver promosso e sostenuto questo obiettivo di diffusione web della cultura cislina, ricordando sempre a tutti che "senza memoria,non c'è futuro". (IC, Roma: 9 maggio 2014)

Stampa Email

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa